Migliori kit Monopattini Elettrici 2021

PRO

CONTRO

Possibilità di inserire una seconda batteria

Sistema frenante mediocre

Ottima accelerazione e velocità massima

Stabilità scarsa in presenza di buche e dossi

Autonomia e velocità di ricarica della batteria

Peso notevole

Motore performante

Costo elevato

Cruise Control regolabile in 3 modalità

Batteria di media qualità

Migliori kit monopattino elettrico

Il monopattino è diventato al giorno d’oggi il simbolo della mobilità smart. Un’ottima alternativa alla bici, poichè occupando poco spazio ed essendo piccolo e maneggevole, riesce a districarsi bene tra le auto ed evitare gli ingorghi tipici delle strade urbane.

Ecco perchè, sempre più gente in possesso di un monopattino a spinta desidera modificarlo per cominciare a muoversi in maniera più rapida ed ecosostenibile, e trasformare il suo strumento di divertimento in un vero e proprio mezzo di trasporto green. Con l’ acquisto di un semplice kit trasformazione monopattino elettrico, la maggior parte dei monopattini a spinta può trasformarsi in veri e propri monopattini elettrici.

Prima di procedere con le nostre recensioni sui migliori kit per monopattino elettrico presenti sul mercato, cerchiamo di scoprire cosa contengono questi kit, che prezzo prevedono e se sono in grado di soddisfare le esigenze degli utenti.

Ricevi aggiornamenti

Resta sempre aggiornato in merito a promozioni e novità.

Da cosa è composto un kit Trasformazione Monopattino Elettrico

Cominciamo col dire che un kit conversione monopattino elettrico completo in genere contiene: un motore, una centralina, un acceleratore, una corona, un display e le luci.

Spesso nei kit non sono incluse le batterie e quindi bisogna calcolare una spesa extra per poter ottenere la trasformazione completa del monopattino. Ovviamente non si può semplicemente scegliere la batteria al miglior prezzo ma quella compatibile con il kit scelto, dunque, è bene valutare il suo acquisto ancor prima di scegliere il kit.

Motore

L’elemento più costoso e importante del kit è ovviamente il motore, che va dunque scelto con cura. Per i monopattini elettrici è consigliata la scelta di un motore senza spazzole (brushless) perchè non si surriscaldano, non disperdono energia in calore e sono meno soggetti a rotture. Per quanto riguarda la sua potenza, secondo la legge italiana vigente, il motore del monopattino elettrico non deve mai superare i 500W. Per evitare di correre rischi durante la guida e di prendere multe salate, è bene scegliere un prodotto che si aggiri attorno ai 350 W di potenza. In questa maniera il monopattino sarà sufficientemente prestante anche nelle salite pendenti. Se, invece, tra le tue esigenze c’è quella di preservare il più possibile l’ autonomia della batteria, allora si consiglia di puntare ad un motore meno potente.

Centralina

La centralina viene da molti definita come il cervello del monopattino elettrcio. Si tratta infatti di un dispositivo elettronico fondamentale per il controllo del veicolo. Per azionarla è necessario collegare correttamente i cavi, un lavoro molto preciso e accurato che è meglio affidare agli esperti. Prima di montarla bisogna accertarsi che la centralina sia compatibile con la batteria scelta, evitando così di danneggiarla o di bruciarla, e di compromettere il funzionamento di tutto il tuo kit per monopattino elettrico.

Acceleratori

Nel kit sono presenti anche degli acceleratori, di solito a levetta, da montare sulle manopole. Grazie a questi elementi si potrà regolare la velocità del monopattino, sempre ricordandosi di rispettare i limiti imposti dalla legge (25 km/h su strada e 6 km/h nelle aree pedonali)

Corona

La corona è un ingranaggio che collega la ruota al motore. Grazie ad essa, infatti, la spinta del motore muove la ruota. Esistono corone in diversi materiali: meglio optare per una corona solida e robusta. Consigliamo di rivolgersi ad esperti per il montaggio che richiede molta pazienza ed accuratezza.

Display e luci

La presenza di un display nel kit è sicuramente molto utile perchè consente di controllare la velocità, i km percorsi e accertarsi di restare sempre nei limiti di velocità. Un buon display sarà luminoso e ben visibile anche con molta luce.

In condizioni di scarsa visibilità è obbligatorio avere le luci (sia anteriori che posteriori) dello scooter accese e visibili per gli altri veicoli. Consigliamo le luci a LED, che per legge devono essere bianche anteriormente e rosse posteriormente.

SAPEVI CHE?

È stato recentemente votato dal Governo il decreto Milleproroghe che regolamenta l’uso del monopattino elettrico. Innanzitutto il motore non può superare i 500 W e non si può circolare a velocità superiori a 25 Chilometri orari. I monopattini elettrici, inoltre, non devono essere dotati di seduta ma guidati solo stando in piedi ed essere dotati di un dispositivo di segnalazione acustica. Nessuna limitazione, invece, relativa alle dimensioni delle ruote. Chiunque dovesse venire sorpreso a utilizzare un monopattino non rispondente a questi requisiti di legge, potrà subire una multa dai 100 ai 400 €. Se si viene sorpresi a viaggiare con una potenza pari o superiore ai 2 kW le autorità devono procedere alla confisca del mezzo.

La classifica dei migliori kit per monopattino

Abbiamo visto le caratteristiche che i componenti dei kit devono avere per poter ottenere una trasformazione al top del veicolo a spinta in un vero e proprio scooter elettrico. In commercio esistono anche numerosi kit che è possibile adattare alle bici, trasformando le biciclette classiche in biciclette con pedalata assistita.

A seconda delle tue esigenze potrai scegliere un prodotto specifico, che una volta applicato al tuo mezzo e svolto il lavoro di conversione, ti regalerà un’ottima guida.

1) EWheel: il kit più venduto

EWheel è il kit più venduto e che riceve sempre ottime recensioni. Si tratta di un kit che include 2 ruote piene da 8,5 pollici compatibili per il modello Xiaomi M365 e Pro. Trattandosi di due ruote massicce e anti graffi, adatte ad essere montate sia anteriormente che posteriormente al monopattino, risolvono il problema delle forature e della manutenzione degli pneumatici.

La loro struttura leggera e morbida migliora la potenza del monopattino e risponde molto bene agli urti, proteggendo alcune parti del mezzo, come la batteria e le piastre, da eventuali rotture. Si tratta quindi di materiali di elevata qualità, che garantiscono una lunga durata e che si adattano molto bene al modello Xiaomi M365 e Pro. Per facilitare il montaggio, nel kit sono presenti anche due 2 leve di supporto.

PRO:

Ottimo assorbimento degli urti

CONTRO:

Kit non completo di altri elementi

2) L-faster Kit 1000 W: il kit più costoso

Se vuoi puntare al top e acquistare un prodotto di livello professionale, consigliamo l’acquisto del kit L-faster Kit 1000 W. L’investimento di denaro richiesto è, ovviamente, più elevato di molte alternative in commercio ma si tratta di un prodotto di qualità in grado di soddisfare appieno le esigenze degli utenti che intendono compiere la conversione. Il prezzo si aggira attorno ai 250 € ma, cercando tra le varie offerte, è possibile trovare anche un prezzo più conveniente.

Il kit ha un peso complessivo 5,3 Kg, peso che andrà quindi ad aggiungersi a quello del tuo veicolo a spinta. Il kit include: un motore da 1000 W, una centralina, una corona, un acceleratore a pollice, una ruota libera senza denti, un adattatore per la ruota, una catena da 106 maglie, un faro e una leva del freno. Il kit è tra i più completi ma presenta anch’esso il problema delle batterie assenti, da acquistare separatamente.

PRO:

Materiali di evelata qualità

CONTRO:

Prezzo

3) Viviance 24V 500W: il kit per biciclette e scooter

Il pacchetto Viviance include un motore e un’impugnatura a farfalla, una manopola dell’acceleratore di torsione e 1 presa normale. Il motore è di piccole dimensioni ma ha una potenza di 500 W e una tensione nominale di 24 V. Si tratta di un motore spazzolato adatto sia a biciclette elettriche che a scooter elettrici. Il cavo presente nel kit, da collegare durante il montaggio, è lungo 1,5 m.

Il modello Viviance offre un buon rapporto qualità-prezzo, ma come per la maggior parte dei kit, non iclude la batteria. Questo prodotto ha ottenuto molte recensioni positive sia per il suo prezzo che per la sua versatilità. Essendo, infatti, costituito da parti che si adattano sia alle biciclette che agli scooter e includendo un motore di elevata qualità, presenta un prezzo di tutto rispetto.

PRO:

Motore prestante

CONTRO:

Kit non completo

4) VGEBY: il kit per Xiaomi M365

Il kit VGEBY include: un motore brushless, un indicatore, un acceleratore, una luce anteriore e un fanale posteriore, un cavo di collegamento, una scheda Bluthoot e 2 componenti per il display. Si tratta di un set completo per lo scooter elettrico Xiaomi M365. La potenza del motore in azionamento di 350 W, consente una velocità massima di 27 Chilometri orari e risulta molto silenzioso.

Queste componenti offrono l’azionamento della funzione del Cruise Control, il recupero dell’energia in frenata, oltre al limite di velocità regolabile: funzioni adatte allo scooter elettrico Xiaomi M365.

PRO:

Prezzo

CONTRO:

Batteria assente

5) Alomejor: il miglior kit a basso costo 

Si tratta di un kit dal peso di 1,1 Kg che contiene: un motore senza spazzole da 350 W, un pannello LCD, una coppia di freni, una coppia di acceleratori, un Hall Sensor e un sensore di velocità assistita. Anche questo pacchetto è privo di batteria ma presenta delle ottime caratteristiche in cambio di un notevole risparmio.

Il motore garantisce una buona distribuzione del calore, oltre che la capacità di resistere alle alte temperature, ed è adatto sia alla bici elettrica che al monopattino elettrico. I fili e le interfacce in dotazione hanno un buon contatto e garantiscono un buon funzionamento anche per un uso prolungato. Il display LCD supporta molteplici funzioni di impostazione: la velocità di guida, lo stato della batteria, la regolazione della servoassistenza e altro. Un buon prodotto con un ottimo rapporto qualità-prezzo, insomma.

PRO:

Materiali di buona fattura

CONTRO:

Montaggio complesso

Trasformare un monopattino a spinta in un monopattino elettrico: alcuni consigli

Come abbiamo suggerito in precedenza, poichè il montaggio di un kit elettrico per monopattino richiede precisione, per assicurasi una guida sicura conviene rivolgersi ad esperti e non andare al risparmio improvvisandosi tecnici. Maneggiare batterie e motori di bici e scooter richiede una minima conoscenza della meccanica e dell’elettonica di base.

Se non si ha esperienza nel montaggio e non si vuole rincarere ulteriormente il prezzo, pagando un esperto, è bene prendere in considerazione l’acquisto di un monopattino già elettrico. Sul mercato si trovano monopattini elettrici a basso prezzo ma capaci di offrire delle buone prestazioni.

In sintesi, acquistare un kit non è l’opzione giusta se:

  • si vuole fare la scelta più economica possibile. Un buon kit ha già un costo importante e, aggiungendoci anche il prezzo della batteria, la spesa potrebbe diventare eccessiva;
  • se non si ha esperienza nel montaggio delle componenti del kit.

Kit di conversione monopattino elettrico: controindicazioni

Il montaggio del kit e il controllo del lavoro di conversione devono necessariamente essere svolti da un esperto prima di mettersi alla guida del nuovo scooter a motore. Assicurarsi che tutti i componenti del kit siano compatibili tra loro è un’ulteriore garanzia di sicurezza nell’esperienza di guida.

Prima di scegliere il kit e la batteria compatibile, assicurandoti che abbiano tutte le caratteristiche che cerchi, è importante fare chiarezza sulla domanda che spesso ci si pone. Guidare un monopattino a spinta convertito in un monopattino elettrico è legale? Sull’area privata antistante casa propria, se non si disturba la quiete pubblica, si! Per quanto riguarda l’uso su strade pubbliche non c’è ancora una risposta chiara da parte della legge. Di sicuro possiamo dire che, gli scooter elettrici per poter circolare devono possedere delle caratteristiche specifiche, caratteristiche che un kit non sempre assicura.

Il motore, l’acceleratore e tutte le altre componenti incluse in un kit, anche se eccellente, possono fornire scarse e poco sicure prestazioni se il montaggio non è corretto. Il principale problema legato alla trasformazione di un monopattino a spinta in un monopattino elettrico riguarda i freni: il sistema di frenata rimane quello originario del monopattino a spinta e non assicura che possa essere in grado di funzionare al massimo dinanzi a brusche frenate. D’altronde, una volta avvenuta la conversione in monopattino elettrico, si avrà tra le mani un vero e proprio veicolo non testato per la sicurezza.

Se, nonostante quanto detto finora, vuoi comunque optare per un kit fai da te e divertirti nel montaggio, sperimentando la guida entro i limiti della tua proprietà privata, fallo pure ma in modo consapevole.

Perchè scegliere i monopattini elettrici

Negli ultimi anni, i dati relativi alle emissioni di gas nocivi nell’atmosfera ha mobilitato i Governi di numerosi Paesi a prendere dei provvedimenti in materia di micromobilità urbana. Si rende necessario, infatti, intervenire proprio sulla qualità del traffico urbano, agevolando il più possibile gli spostamenti con il trasporto pubblico e utilizzando un veicolo più green, attento dunque alla salute dell’ambiente.

Non essere inquinanti non è l’unico vantaggio degli scooter e delle bicliclette elettriche. Risultano comodi e divertenti da guidare, si adattano bene a tutte le fasce di età e, nel caso del monopattino elettrico, è leggero, pieghevole e facilmente trasportabile. La soluzione perfetta per molti pendolari che necessitano di spostarsi velocemente da un mezzo pubblico all’altro o dal mezzo pubblico a destinazione.

Non a caso, soprattutto nelle grandi città, sono sorti numerosi servizi di sharing, ovvero servizi di noleggio temporaneo e di condivisione di mezzi di trasporto, che consentono di spostarsi in modo rapido e raggiungere luoghi anche poco serviti dai trasporti pubblici.

La notevole crescita della domanda degli scooter elettrici ha portato, da un lato all’obbligo delle case produttrici di garantire un livello sempre maggiore di sicurezza e di affidabilità dei loro scooter, e dall’altro a regolamentare con vere e proprie norme di legge nazionali la potenza del mezzo, la sua velocità massima e tutti quei dispositivi necessari per rendere la circolazione degli scooter elettrci su strada sicura per sé e per gli altri. Ma andiamo a vedere più nello specifico di quali norme stradali si tratta.

kit monopattino elettrico

Le nuove norme sulla micromobilità

Le norme attualmente in vigore che regolamentano la circolazione della cosiddetta micromobilità legata al monopattino elettrico sono le seguenti. Il monopattino elettrico:

  • non può avere posti a sedere;
  • non può trainare cose o persone;
  • può trasportare una persona per volta;
  • non può essere usato da mezz’ora dopo il tramonto all’alba;
  • non può essere usato in condizioni meteo avverse come pioggia o neve;
  • non può essere usato dai minorenni a meno che questi non abbiamo il patentino del motorino.

“Da ragazzo ho truccato lo scooter, ma poi è piovuto ed è colato tutto.” (Ty_il_nano, Twitter)

Accessori per il monopattino elettrico

Sul mercato è possibile trovare diversi tipi di accessori per monopattini in grado di conferire maggiore comfort e praticità alla loro guida e al loro utilizzo. Il prezzo della maggior parte di questi elementi è contenuto e alla portata di tutti, tanto che sono spesso prese in considerazione come delle buone idee regalo. Arricchire di questi elementi il proprio scooter, lo rende più sicuro, più pratico all’uso e più comodo.

Ovviamente il mercato è vastissimo e gli accessori per scooter elettrici sono talmente tanti che è bene fare chiarezza. Questi oggetti possono essere suddivisi in:

  • Indispensabili: caschi e le protezioni per le diverse parti del corpo, che attutiscono il colpo in caso di caduta o urto e che quindi, più che accessori possono essere definiti proprio dispositivi di sicurezza.
  • Obbligatori: elementi come l’impianto di illuminazione e il dispositivo di segnalazione acustica che sono previsti dalla legge ma che alcuni scooter meno recenti non presentano.
  • Facoltativi: tutti quegli oggetti utili e comodi da avere ma non indispensabili al corretto uso del mezzo, come ad esempio contenitori portaoggetti o borse per trainare lo scooter elettrico ripiegato.

Casco

Un discorso a parte va fatto sul casco che, più che un accessorio, dovrebbe essere considerato come un importante dispositivo di sicurezza che protegge da cadute e urti, e quindi bisognerebbe seriamente valutarne il suo acquisto anche se dalla legge italiana non è ancora previsto l’obbligo di indossarlo.

La normativa in vigore, infatti, prevede l’obbligo di indossare il casco solamente ai minori di età compresa tra i 14 e i 18 anni, alla guida di scooter elettrici ovviamente omologati per la loro fascia d’età.

Il prezzo di un casco è piuttosto contenuto, così come il suo ingombro. In vendita si trovano caschi in grado di soddisfare tutte le esigenze. Esitono modelli che assicurano una buona areazione, regolabili, esteticamente belli e con catarifrangenti o luci a LED.

Se si vuole valutare l’acquisto di un casco vi consigliamo di optare per un modello di qualità, che garantisca un buon campo visivo e che protegga in modo efficace tutta la testa. Naturalemnte bisogna accertarsi che si tratti di un casco certificato e che riporti la marcatura CE.

Kit trasformazione monopattino elettrico: considerazioni finali

Acquistare un kit di trasformazione fa gola a molti ragazzi che hanno voglia di sperimentare un pò di elettronica e meccanica di base e di fare del loro monopattino a spinta da terra un monopattino elettrico prestante.

Prima di acquistare bisogna sapere che molti kit arrivano dalla Cina e non hanno le istruzioni in lingua italiana. Inoltre, i monopattini a spinta possono essere diversi per costruzione, struttura, grandezza delle ruote e dei giunti e quindi non è detto che vadano bene per qualsiasi kit di conversione. Meglio fare prima una ricerca dettagliata.

Trasformare un vecchio monopattino in un mezzo a motore elettrico presenta dei rischi (in termini di incolumità e con la legge) ma se fate tutto con criterio, dal montaggio all’utilizzo del monopattino elettrico così ottenuto, non dovreste avere nessun genere di problemi.

Valutate anche l’acquisto di qualche accessorio o dispositivo di sicurezza per rendere la vostra esperienza su strada più performante e sicura e se questi sono indicati per il modello sul quale dovranno poi essere montati e utilizzati. Alcune aziende produttrici di monopattini elettrici, infatti, consigliano specifici accessori per determinati modelli, ma si possono anche facilmente reperire accessori universali che possono essere montati su ogni tipo di modello.

Il nostro ultimo consiglio è quello di valutare sempre bene, prima di procedere all’acquisto, la qualità dei materiali e le caratteristiche delle componenti del kit. Bisogna accertarsi che si tratti di oggetti in grado di resistere alle intemperie e di sopportare bene gli urti e le cadute accidentali. Segui la nostra guida per la scelta del miglior monopattino elettrico.

Aggiornamenti

Resta sempre aggiornato in merito a promozioni e novità.

Offerte di oggi